Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Ottobre 2013

La più zozza infamità

La più zozza infamità

***

‘Na cosa che nun trovo er paragone,

 pe definilla appieno e nun c’è inzurto,

in grado de causà ‘na forza d’urto,

p’annà a corpì ‘ste cacche de perzone.

***

Ce l’ho co chi se dà a gestì er furto

o prenne parte a l’organizzazzione,

che cià li rami in più de ‘na nazzione,

e arubba li bambini, come curto.

***

Ma come cazzo fai a fà der male

a l’anima innocente d’un bambino

che ciài invece der còre, un gran pitale?

***

Co te artro che “nun toccà Caino”,

te faccio annà diretto ar funerale

felice d’èsse io er tuo assassino.

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Di fronte a tanta efferatezza e crudeltà il giudizio divino sarà altrettanto spietato e implacabile!!!

    Comment by Silvio — 25 Ottobre 2013 @ 09:40
  2. Nel vocabolario non ci sono le parole adatte per definire certa gente. Ma il giorno del giudizio arriverà anche per loro!

    Comment by letizia — 25 Ottobre 2013 @ 11:46
  3. Scusateme er cinismo, ma sta aspetta’ er Giudizio Divino, seconno er detto che: “erba cattiva nun mòre mai”; hai vòja prima ch’ariva. Sarebbe utile pòteje accelera’ li tempi de presentaccese, perché ammazza’ ‘n’essere così immondo, nun ha da esse’ peccato..

    Comment by 'svardoASR'29 — 25 Ottobre 2013 @ 13:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>