Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Ottobre 2016

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Zaccheo”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Zaccheo”

***

Quer giorno c’era folla e pe vedello

Zaccheo salì su in cima a un sicumòro,

Gesù je disse: “Scenni, nun te ignoro,

anzi vengo da te, caro fratello!”

***

E lì s’arzò come da gnente er coro

de l’impiccioni e er solito macello:

“Ma che ce va a fà in quer bordello,

de pubblicani e gente come loro?”

***

Zaccheo fece a Gesù: “Dio sia lodato,

metà de quer che ciò lo do ar poraccio

e quattro vorte tanto a chi ho rubbato”.

***

Gesù arispose: “Fatte dà un abbraccio,

ché oggi a fà così te sei sarvato,

de quelli come te, io me compiaccio”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Lo so che è una utopia, ma se tutti facessimo come Zaccheo, il mondo sarebbe un posto migliore!

    Comment di letizia — 3 Novembre 2013 @ 11:19
  2. Ecco, abbasterebbe che chi ha arubbato de tasse, de vitalizzi autoconcessi e de stipenni esggerati, ne restituisse armeno ‘a metà, de sicuro se annullerebbe er debbito pubblico.
    Ma de Zaccheo ce sta solo quello de la parabbola evangelica.
    Aqquà arubbeno a mani basse e manco vònno anna’ ‘n carcere, se li scopreno e quanno li scopreno l’aricopreno.

    Comment di 'svardoASR'29 — 3 Novembre 2013 @ 11:26
  3. Quer giorno c’era folla e pe vedello
    Zaccheo salì su in cima a un sicumòro,
    Gesù je disse: “Scenni, nun te ignoro,
    anzi vengo da te, caro fratello!” … (continua)

    Comment di Stefano — 30 Ottobre 2016 @ 10:17
  4. Se il pentimento è vero e sincero, Gesù perdona anche i peccati più grandi!
    Buona Domenica.

    Un pensiero e una preghiera per tutte le persone in difficoltà dopo il terremoto di oggi.

    Comment di letizia — 30 Ottobre 2016 @ 11:47
  5. Ogni pagina o parola der Santo Vangelo, ce ‘nsegna come tene’ sempre accesa ‘a lanterna sur portone, perché ‘a venuta der Maestro è ‘mprevedibbile, come ce stanno a conferma’ li continui teremoti de sti tempi.
    Pace ner riposo a coloro che, ‘n ste recenti calamità, hanno lasciato la vita terena. Sentite condojanze ai loro cari che li piangono.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 30 Ottobre 2016 @ 15:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>