Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

19 Novembre 2013

Famo acqua da tutte le parti

Famo acqua da tutte le parti

***

Paese ch’è aridotto ormai a la fine

‘na bomba d’acqua e un vento un po’ più forte

sò in grado già de seminà la morte,

viè voja de scappà ortre-confine.

***

Ché nun pò èsse solo malasorte

si piogge qui diventeno assassine,

come in Sardegna a ammazzà aguzzine

venti perzone che Dio s’è ariccorte.

***

E qui nun c’entra er più famoso detto

der “piove” che vor dì “Governo ladro”,

qui è che stamo in mezzo ar gabbinetto.

***

Si un po’ de pioggia mette ormai a soqquadro

una Nazzione intera, viè er sospetto

che de ‘st’Italia è brutto forte er quadro.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Le peggiori calamità provocate dall’acqua si concentrano in autunno, tanto nel nostro sciagurato Paese come lontano da noi. Quest’anno è toccato alle Filippine, nel passato è stata seminata morte e devastazione in altre zone sub-tropicali. L’acqua ha ucciso molto più del fuoco e dei terremoti: solo le guerre riescono a fare di più… Che triste argomento!

    Comment by Silvio — 19 Novembre 2013 @ 09:42
  2. Siamo veramente messi male e il governo c’entra eccome: invece di utilizzare i soldi per migliorare il Paese, se li spendono per i cavoli loro (v. i soldi per l’Abruzzo).

    Comment by letizia — 19 Novembre 2013 @ 11:36
  3. Il qualunquismo è uno sport dove gli italiani vanno forte…
    I numeri dicono altre cose. In 24 ore ieri è caduta una quantità di acqua sulla Sardegna pari alle precipitazioni di 6 mesi, ovvero 183 volte di più del normale. In questi casi non c’è governo che tenga, è un tornado che spazza tutto, indipendentemente se sono stati spesi soldi per la messa in sicurezza di ponti e strade oppure no.
    I veri colpevoli, se vogliamo trovarne, siamo tutti noi occidentali (europei, americani, giapponesi e recentemente i cinesi) che abbiamo prodotto una tale quantità di inquinanti da spostare gli equilibri climatici. Trenta anni fa le bombe d’acqua cadevano solo ai Tropici, oggi cadono anche sull’Italia.

    Comment by Pablo BigHorn — 19 Novembre 2013 @ 17:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>