Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Dicembre 2016

L’Inverno

L’Inverno

***

C’è pure chi lo chiama “Generale”,

p’er fatto ch’è er più riggido e de fero,

le notti lunghe, buje e sotto zero,

comincia in bianco, giusto pe Natale.

 ***

E quanno annotta e er cèlo se fa nero,

ch’er vento fischia e sibbila glaciale,

voresti annà ne l’emisfero australe,

in quarche posto esotico, stragnero.

 ***

L’arbero acceso, fine dicembrino,

se porta avanti fino ar sei Gennaio,

più p’er commercio, ahimé, che p’er Bambino.

 ***

Poi ariva mascherato er sor Febbraio,

prima de chiude er conto cor piumino,

c’è Marzo a aprì l’ombrello e poi la sdrajo.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Anche oggi caro Stefano ci hai regalato una perla!

    Comment di letizia — 21 Dicembre 2013 @ 10:17
  2. Cor meteo pazzo de st’urtimi tempi, nun se pò più sape’ quanno se potrà opri ‘o sdraio, cmq mai a marzo ch’arischi de beccate ‘n quarche residuato de ‘nfluenza.
    Trasferimento staggionale in posti caldi, de sti tempi de riduzzione ar buco de la cinta? Manco a penzacce.

    Comment di 'svardoASR'29 — 21 Dicembre 2013 @ 10:45
  3. C’è pure chi lo chiama “Generale”,
    p’er fatto ch’è er più riggido e de fero,
    le notti lunghe, buje e sotto zero,
    comincia in bianco, giusto pe Natale. … (continua)

    Comment di Stefano — 21 Dicembre 2016 @ 09:30
  4. Inevitabile, puntuale, brutto, insomma non mette certo di buon umore, speriamo passi presto…
    L’unica nota positiva è che da domani le giornate ricominciano ad allungarsi fino al 21 giugno, col solstizio di oggi infatti siamo al minimo storico di luce di tutto l’anno!

    Comment di Silvio — 21 Dicembre 2016 @ 09:50
  5. L’inverno fa parte dell’anno e della vita, basta prenderlo per il suo verso!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 21 Dicembre 2016 @ 10:09
  6. Bonasera. L’inverno vie’ sempre; arcuni anni più freddo e artri sciroccosi. Purtroppo bisogna pijallo cosi come vie’, cor termosifone o artri riscallamenti che, comunque, a la fine porteno ‘na bolletta salata. Mejio usa’ li majioni come se faceva ‘na vòrta e tene’ ben tappate porte e finestre.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 21 Dicembre 2016 @ 17:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>