Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Gennaio 2014

Roma in rima 2014

Roma in rima 2014

***

Ce proverò a favve compagnia

‘gni giorno co un sonetto a fà ‘na stima,

anche quest’anno che sta ancora in cima,

ma basta gnente che poi fugge via.

***

Quest’anno sarà er quinto, ROMAINRIMA,

er venti lujo esatto, mamma mia,

che metto in verzi ‘gni mia fantasia,

ché a riccontalla qui io faccio prima.

****

Me piace penzà come a un armanacco

in cui appuntà così, scrivenno in verzi,

‘gni giorno un po’ de storia e un po’ de stacco.

***

Restanno sempre in linea co l’assioma,

 che in tutto er Cosmo nun ce sò univerzi,

più belli anche de un briciolo de Roma.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. La tua caro Stefano è una compagnia graditissima: ti auguro cento anni ancora di Roma in Rima.

    Comment di letizia — 3 Gennaio 2014 @ 12:04
  2. Quanno, anni fa diverzi,
    capitai su er Romanista,
    lessi sti sciòrti verzi,
    l’ho gustati a prima vista.
    Vorebbe seguita’ a fa sta rima,
    tante parole affolleno er cervello’
    nun me n’esce una da sta cima
    de broccolo e fò er saputello.
    Mo’ la pianto, ché nun so’ scherzi,
    imita’ Stefano a fa’ li verzi.
    Daje Ste’ che, co’ l’aiuto de Dio, me vojo cica’, anno o ano che sia, pure sto 2014.

    Comment di 'svardoASR'29 — 3 Gennaio 2014 @ 18:44
  3. … 20luglio … guarda caso è il giorno della mia nascita … (diversi lustri prima) …

    Comment di Elio Malloni — 3 Gennaio 2014 @ 19:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>