Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Febbraio 2017

Dar Vangelo der giorno: “discorzo su la sarvezza”

Dar Vangelo der giorno: “discorzo su la sarvezza”

***

“Nun so’ venuto a abbolì la legge,

macché, simmai a daje compimento,

a precisà quer giusto intennimento,

da fà capì a tutto quanto er gregge.

***

E, anzi, nun c’è iota, né frammento,

de quer ch’è scritto, che nun li soregge

a cèli e tera e ch’er tempo l’aregge,

finché er tutto ciavrà l’avveramento”.

***

Gesù da lì spiegò poi l’adurterio,

e l’omicidio e er giurà sbajato,

e ‘gni artro zozzo fatto deleterio.

***

In modo da sarvasse la cotenna,

e nun finì a l’inferno abbruciacchiato,

a ‘gni omo p’evitaje la Geènna.

 ***

Stefano Agostino

_______________________________________

***

  1. “Nun so’ venuto a abbolì la legge,
    macché, simmai a daje compimento,
    a precisà quer giusto intennimento,
    da fà capì a tutto quanto er gregge. (continua)

    Comment by Stefano — 15 Febbraio 2014 @ 23:02
  2. E’ un Vangelo che fa riflettere, siamo tutti peccatori: solo in LUI c’è la salvezza.
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 12 Febbraio 2017 @ 11:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>