Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

1 Marzo 2014

Er primo marzo

Er primo marzo

***

Er primo marzo, senza batte cija,

è er giorno a l’anno più straordinario,

armeno come giorno ar mio diario,

in cui se stappa sempre ’na bottija.

 ***

Er primo marzo è, infatti, anniverzario

un po’ natale e pure un po’ viggija

de tutto quanto m’ha dato famija,

mi’ padre co mi’ madre e un “Sì” a sipario.

*** 

Er primo marzo è anch’er compleanno

de papà mio, ch’è nato er ventinove,

ma de febbraio, che nun viè ’gni anno.

 ***

Mó che ce penzo, e l’occhio se commove,

fu er dì der loro incontro co rimanno

ar primo marzo der sessantanove.

***

Stefano Agostino

___________________________________

  1. Er primo marzo, senza batte cija,
    è er giorno a l’anno più straordinario,
    armeno come giorno ar mio diario,
    in cui se stappa sempre ’na bottija. … (continua)

    Comment di Stefano — 1 Marzo 2014 @ 07:31
  2. Bon compleanno a ‘lario e auguri de bon mese, co tutto ‘o scadenzario.

    Comment di 'svardoASR'29 — 1 Marzo 2014 @ 08:12
  3. Auguri di buon anniversario!

    Comment di letizia — 1 Marzo 2014 @ 09:26
  4. Grazie ai tuoi simpatici “commentatori”.

    Comment di Laio — 1 Marzo 2014 @ 11:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>