Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Marzo 2014

Er primo raggio de sole

Er primo raggio de sole

***

Me piace catturamme la matina

er primo raggio splennido de sole,

quello ch’ariva addosso, si Dio vole,

ch’er cèlo nun s’aggriggia in mascherina.

***

Er primo raggio toje le parole

pe quant’è dorce, guasi me ‘mpappina,

e m’arimane dentro e dentro sbrina

er gelo che la notte ha avuto in prole.

***

E me lo porto appresso tutto er giorno,

passa da l’occhi a l’anima p’er còre,

in quer circuito gira tutto attorno.

***

E aringrazzio Dio e prego er Signore

perché domani faccia fà ritorno,

a un artro raggio uguale pe splennore.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Me piace catturamme la matina
    er primo raggio splennido de sole,
    quello ch’ariva addosso, si Dio vole,
    ch’er cèlo nun s’aggriggia in mascherina. … (continua)

    Comment di Stefano — 12 Marzo 2014 @ 08:07
  2. Dolci e calde pennellate di poesia, color arancio naturalmente…

    Comment di Silvio — 12 Marzo 2014 @ 09:51
  3. E’ bellissimo: sei veramente un poeta!

    Comment di letizia — 12 Marzo 2014 @ 11:10
  4. Grazie. Anche se siete troppo buoni con me.

    Comment di Stefano — 12 Marzo 2014 @ 11:23
  5. Se sta a riaffaccia’ er Sole. Speramo che dura. Arisparmiamo co’ er riscallamento e quarche cosetta de più se pò compra’.
    Questo visto da la parte utilitaria.
    Pe la poesia: m’arzo ‘a matina presto pe vedello sorge ‘ntra l’appennini; è ‘no spettacolo. M’ho da attrezza’ pe firma ‘n’arba, anzi ‘n’aurora. La sera ar tramonto, da la parte der mare è tutto giallo rosso.

    Comment di 'svardoASR'29 — 12 Marzo 2014 @ 18:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>