Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Settembre 2018

Er posteggiatore

Er posteggiatore

***

Cià l’arte sua de materializzasse,

manco si fusse teletrasportato,

appena hai visto un posto e hai parcheggiato,

te piomba addosso, come toji er gasse.

 ***

Si l’ariguardi mó ch’hai posteggiato,

te pare un esattore de le tasse,

borzetta ar collo e tasche a fà da casse,

e te domanni chi ce l’ha mannato.

 ***

“Giusto un’anticchia – stop – così, preciso,

venghi dottò, l’aiuto a fà manovra”,

e già t’ha cojonato cor soriso.

 ***

“Nun s’ha da preoccupà, la guardo io”,

ma quello, co tentacoli da piovra,

se ’ntasca l’euro e già t’ha detto addio.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Cià l’arte sua de materializzasse,
    manco si fosse teletrasportato,
    appena hai visto un posto e hai parcheggiato,
    te piomba addosso, come toji er gasse. … (continua)

    Comment by Stefano — 14 Marzo 2014 @ 08:39
  2. Bongiorno a tutti! Mamma, quante incacchiature co’ sta gente, ner passato. Mo’ nun tengo più sto problema; chiusa ‘a patente, via ‘a machina, ticket ATAC sempre ‘n tasca; mo’ m’incacchio è aspetta’ er busse.

    Comment by 'svardo — 4 Settembre 2018 @ 08:30
  3. Quando ho accusato il parcheggiatore di essere un estorsore mi sono sentito rispondere “Iamm dottò che tutti quanti amm’a campà”. Paese bizzarro il nostro…

    Comment by Silvio — 4 Settembre 2018 @ 09:38
  4. “Nun s’ha da preoccupà, la guardo io”: mai una bugia è stata così eclatante! Siamo fortunati se l’auto la ritroviamo dove era stata parcheggiata e con in più la multa!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 4 Settembre 2018 @ 11:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>