Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

15 Marzo 2019

Idi de Marzo

Idi de Marzo

***

Er quinnici de marzo è stato er giorno,

quanno che Giulio Cesare ar Senato,

ventitré vorte venne accortellato,

da Bruto, Cassio e Casca tutti attorno.

 ***

E lui che a Bruto l’aveva adottato,

nun s’aspettava certo quer ritorno,

je disse: “Pure tu, der mio dintorno,

me vieni a pugnalà, co ’st’attentato?”

 ***

“TU QUOQUE, BRUTE, FILI MI…” in latino

quanno che je s’è fatta a un tratto notte,

Bruto cor cortellaccio d’aguzzino.

 ***

Ma le parole sue se sò interotte,

e Cesare morì, ma a l’assassino

je stava a dì: BRUTE, FILI MI…GNOTTÆ !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Er quinnici de marzo è stato er giorno,
    quanno che Giulio Cesare ar Senato,
    ventitré vorte venne accortellato,
    da Bruto, Cassio e Casca tutti attorno. … (continua)

    Comment by Stefano — 15 Marzo 2017 @ 08:08
  2. Ce sarebbe da facce ‘na domanna: Chissà come sarebbe er monno oggi, se nun l’avessero ammazzato? Si, perché abbasta ‘n’episodio e, tutto quello che vie’ appresso cambia.

    Comment by 'svardo — 15 Marzo 2018 @ 17:38
  3. Politica, tradimento, congiura, cospirazione, colpo di stato. Già allora le dinamiche erano le stesse di oggi a dimostrazione che l’uomo è sempre stato mosso da smisurata sete di potere!

    Comment by Silvio — 15 Marzo 2019 @ 09:53
  4. La brama di ricchezza e la sete di potere cambiano l’homo sapiens in una bestia feroce e chiedo scusa alle bestie feroci!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 15 Marzo 2019 @ 12:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>