Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Marzo 2014

Parlo co te, o blog, amico caro

Parlo co te, o blog, amico caro

***

Parlo co te, o blog, amico caro,

che in fonno è mejo che parlà da solo,

magari, hai visto mai, che me conzolo,

e riesco a mannà giù er boccone amaro.

***

Lei m’ha lasciato, ossia, ha preso er volo,

e se n’è ita a la luce der faro

de artre idee, proggetti e io, somaro, 

nun je so’ stato appresso e mó me dolo.

***

Me devi crede, ce l’ho messa tutta,

ho fatto er mio, armeno, ciò provato,

ma che pòi fà, quanno che stai a la frutta?

***

Ma ciài raggione te, è latte verzato,

c’è ‘na notizzia bella e una brutta:

nun torna indietro er tempo, ormai è passato.

***

Stefano Agostino

_________________________________

  1. Parlo co te, o blog, amico caro,
    che in fonno è mejo che parlà da solo,
    magari, hai visto mai, che me conzolo,
    e riesco a mannà giù er boccone amaro. … (continua)

    Comment di Stefano — 22 Marzo 2014 @ 09:04
  2. Bonsabbato a tutto er blogghe e ‘n particolare a Stefano. Posso solo di’ che te armeno tieni Roma ‘n Rima, pe raggiona’; io ‘nvece ‘o faccio co lo specchio e spesso capita che, seguenno er consijo der granne Arbertone, me manno a quer paese. ALEGRIAAA!!!

    Comment di 'svardoASR'29 — 22 Marzo 2014 @ 11:58
  3. Per stasera FORZA ROMA.
    Contro di noi sono tutti indiavolati.

    Comment di letizia — 22 Marzo 2014 @ 20:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>