Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Marzo 2014

L’impicciato

L’impicciato

***

Te sento dì da sempre: “So’ impicciato,

nun riesco a libberamme mai un seconno,

nun posso respirà, carmo e profonno,

pe quanto sto stracarico e impegnato”.

***

Nimmanco stessi a aregge tu ‘sto monno,

tu ciài da fà a prescinne, sei incastrato,

stai lì in sette faccenne, affaccennato,

e te lamenti, ché ce perdi er sonno.

***

Ma quanno te ‘nteressa veramente

‘na cosa, trovi er tempo e dici: “Strano,

stavorta ero libbero e presente”.

***

Er dubbio che me viè, (vado lontano?),

è penzo ch’er tuo impegno è er “nun fà gnente”,

ché si è così, te posso dà ‘na mano.

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. Te sento dì da sempre: “So’ impicciato,
    nun riesco a libberamme mai un seconno,
    nun posso respirà, carmo e profonno,
    pe quanto sto stracarico e impegnato”. … (continua)

    Comment by Stefano — 24 Marzo 2014 @ 08:15
  2. Nella tua scanzonata ironia, caro Stefano, c’è una grande verità: quando qualcosa interessa veramente il tempo lo si trova sempre, il resto sono scuse e pretesti!

    Comment by Silvio — 24 Marzo 2014 @ 11:44
  3. Silvio ha ragione, se qualcosa interessa, si scalano anche le montagne per raggiungerla.

    Comment by letizia — 24 Marzo 2014 @ 17:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>