Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Ottobre 2018

Dar Vangelo der giorno: “la guariggione der cèco nato”

Dar Vangelo der giorno:

“la guariggione der cèco nato”

***

Gesù vide, passanno, un pòro cèco,

un cèco da la nascita qual era,

allora Lui sputò dritto pe tera,

 pe fà der fango, da portallo seco, …

***

… sparmajelo su l’occhi come cera,

“Vatte a lavà” – je disse: -“a Sìloe” (in greco,

vor dì “inviato”) e er fatto fece eco,

(ch’er cèco vide), tra la folla intera.

***

Quest’urtimo parlò co li Giudei,

più vorte e disse che mó ce vedeva,

ma, cèchi loro, come farisei …

***

… nun je credettero a quer che diceva.

Poi arincontrò Gesù: “Io so chi sei”

je se prostrò, er ginocchio fece leva. 

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Gesù vide, passanno, un pòro cèco,
    un cèco da la nascita qual era,
    allora Lui sputò dritto pe tera,
    pe fà der fango, da portallo seco, … (continua)

    Comment by Stefano — 30 Marzo 2014 @ 08:17
  2. Bon giorno e ….. bòna domenica IV° de quaresima. Quer cieco semo noi che diffidamo der credece veramente.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 26 Marzo 2017 @ 07:21
  3. Uno dei tantissimi miracoli di Gesù! Anche noi, oggi, abbiamo bisogno di un miracolo!
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 28 Ottobre 2018 @ 13:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>