Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2013/14

30 Marzo 2014

Sassuolo – Roma

Sassuolo – Roma: 0-2

***

Vabbè p’er go’ de Destro e er due a zero

de Bastos che va a chiude er risurtato,

vabbè, ma qui er sonetto è dedicato

a lui, granne campione e omo vero.

***

Rodrigo è er nome co cui lui c’è nato,

Taddei, così a chiamallo tutto intero,

lui ch’è romano ormai, quale stragnero,

pe quer ch’ha dato e dà, va onorato.

***

Atleti come lui fanno da esempio,

pe voja e attaccamento e pe bravura,

che a trovalli in giro, me ce stempio.

***

E vista la tenuta e la natura,

nun rinnovà er contratto suo è ‘no scempio,

TADDEI RODRIGO, sì, senza paura.

***

Stefano Agostino

***

  1. Vabbè p’er go’ de Destro e er due a zero
    de Bastos che va a chiude er risurtato,
    vabbè, ma qui er sonetto è dedicato
    a lui, granne campione e omo vero. … (continua)

    Comment by Stefano — 30 Marzo 2014 @ 14:45
  2. W Taddei e sempre FORZA ROMA!!!!!!!!!!!!!

    Comment by letizia — 30 Marzo 2014 @ 15:03
  3. Serietà e ‘mpegno fatte perzona. Ogni golle ‘n battito der còre.
    Se merita pienamente l’onore de ‘n sonetto. Come er vino bòno: ‘nvecchianno mijora. Si merita er prolungamento armeno pe ‘n’anno.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 30 Marzo 2014 @ 23:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>