Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

31 Marzo 2014

Nun t’areggo, lunedì

Nun t’areggo, lunedì

***

Nun se potrebbe fà qualunque cosa,

pe comincià, che so, co un artro giorno

‘gni settimana nova, senza scorno

e tignela così un pò più de rosa?

***

Nun c’è bisogno che faccia ritorno,

er lunedì, pe forza misteriosa,

abbasterà inizzià, in rima o prosa,

la settimana co ben artro attorno.

***

Io nun l’areggo e so’ ripetitivo

ner contestallo centomila vorte,

so’ poco origginale e assai cattivo.

***

Ma è er lunedì che c’è toccato in sorte,

ch’ha cominciato lui, da che so’ vivo,

a rompe e lo farà fin’a la morte.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Nun se potrebbe fà qualunque cosa,
    pe comincià, che so, co un artro giorno
    ‘gni settimana nova, senza scorno
    e tignela così un pò più de rosa? … (continua)

    Comment by Stefano — 31 Marzo 2014 @ 07:24
  2. Ste’, sta vòrta c’hai piena raggione. Er lunedì, specie se vie’ dopo er passaggio da l’ora solare a quella legale, è propio ‘na stincatura.

    Comment by 'svardoASR'29 — 31 Marzo 2014 @ 15:26
  3. Il lunedì è un giorno come un altro (per chi sta in pensione) per tutti gli altri ricomincia il lavoro (per chi ce l’ha)!

    Comment by letizia — 31 Marzo 2014 @ 17:43
  4. Bon mese Leti’, dipenne da come ce se sta ‘n penzione: pò esse’ che quarcuno s’arangia p’arotonna’ e, er lunedì, s’ha da arza’ ‘a matina presto.

    Comment by 'svardoASR'29 — 31 Marzo 2014 @ 23:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>