Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Aprile 2014

C’è chi “c’ha” e c’è chi “cià”

C’è chi “c’ha” e c’è chi “cià”

 ***

Che oscenità quel’acca apostrofata

de chi se crede, in più, sia romanesco,

sfioranno er traggicomico e er grottesco,

a scrive “c’ha” er “cià” e ‘gni cognugata.

***

Io a scrivelo co l’acca nun ce riesco,

ma nun so’ certo io, da appena nato,

Trilussa e Belli ce l’hanno inzegnato,

che “cià” se scrive “cià”, senz’artro affresco.

***

Potrà sembrà sortanto ‘na scemenza,

ma nun lo è pe gnente, so’ sincero,

ché anzi fa sgamà la differenza …

***

… tra chi s’atteggia a fà er pasquino (e è zero)

e chi nun vò tradì la quintessenza

der còre suo ch’è da romano vero.

***

Stefano Agostino

___________________________________

  1. Che oscenità quel’acca apostrofata
    de chi se crede, in più, sia romanesco,
    sfioranno er traggicomico e er grottesco,
    a scrive “c’ha” er “cià” e ‘gni cognugata. … (continua)

    Comment di Stefano — 5 Aprile 2014 @ 08:14
  2. Bongiorno Ste’, grazie de l’insegnamento. E’ propio vero: ar monno nun se finisce mai de ‘mpara’.

    Comment di 'svardoASR'29 — 5 Aprile 2014 @ 09:06
  3. C’è chi l’acca la mette ACCA…volo!E non in dialetto…

    Comment di principessa — 6 Aprile 2014 @ 18:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>