Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Aprile 2014

Punto

Punto

 ***

Credevo nun ce fosse ar monno un punto

che se potesse dì definitivo,

volenno guardà sempre in positivo,

j’annavo a dà ‘na virgola in congiunto.

***

Ma pe la prima vorta da che vivo,

me trovo innanzi a un punto ch’è er riassunto

de fine, capolinea, basta, appunto,

tanto da èsse, ormai, esclamativo.

***

Un punto che nun sta in geometria,

perché qui sì che cià ‘na dimenzione,

e nun c’è “a capo” che segni ‘na scia.

***

E pe risposta a l’interogazzione,

de un interrogativo che mai sia,

  nun ciabbia punti in più de sospenzione.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Credevo nun ce fosse ar monno un punto
    che se potesse dì definitivo,
    volenno guardà sempre in positivo,
    j’annavo a dà ‘na virgola in congiunto. … (continua)

    Comment di Stefano — 8 Aprile 2014 @ 07:29
  2. La …punteggiatura nella vita è importante così come nella scrittura: bisogna saper scegliere, capire e utilizzare il segno più opportuno, più adeguato a seconda del momento!

    Comment di Silvio — 8 Aprile 2014 @ 08:26
  3. …e si, ci sono delle frasi nelle quali basta spostare un segno di punteggiatura che tutto il significato viene stravolto!

    Comment di letizia — 8 Aprile 2014 @ 10:16
  4. Se nun me ricordo male, me pare che E. De Filippo dicevas che: “La parolina “punto” nun se scrive, se fa ‘na cagatella ‘e mmosca ‘ngoppa ‘a carta”. Io me so’ scordato tutte ‘e regole der periodo grammaticale, vado a sensazzione ner mette ‘a punteggiatura, poi chi capisce è bene artrimenti, come se dice: ciccia.

    Comment di 'svardoASR'29 — 8 Aprile 2014 @ 17:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>