Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Aprile 2014

La “R” de Roma

La “R” de Roma

***

A Roma se compenza facirmente,

e prenno a esempio er caso de la “R”

arisparmiata doppia in frasi intere,

viè aggiunta quanno aggrada è e de frequente.

***

Così quella che avanza in “tere” e “guere”,

se mette ar posto de la “L” assente

in “artro” a fà un esempio e “normarmente”

pòi seguità da te, co ‘ste magnere.

***

Der resto nun potremmo risparmiacce,

 a annà a vedé più a fonno la questione,

basta ariflette un attimo e penzacce …

***

… che nun potremmo certo pe l’idioma,

fa economia de “R” e la raggione

è ch’è dà inizzio a la parola Roma.

***

Stefano Agostino

_________________________________

  1. A Roma se compenza facirmente,
    e prenno a esempio er caso de la “R”
    arisparmiata doppia in frasi intere,
    viè aggiunta quanno aggrada è e de frequente. … (continua)

    Comment by Stefano — 10 Aprile 2014 @ 06:51
  2. AMOR mio, quanno cammino pe’ ‘sta città sento forte st’aROMA, è come entrà in un ROMAnzo etereo e ROMAntico, ma nun me sto a sbajà, è tutto vero, e sta maggìa se chiama ROMA!

    Comment by Silvio — 10 Aprile 2014 @ 09:13
  3. R come ROMA, la città (nonostante tutto) più meravigliosa del mondo!

    ah, finalmente hanno scoperto chi ha ucciso Abele!

    Comment by letizia — 10 Aprile 2014 @ 10:41
  4. Che ce volemo fa’: semo o nun semo? Pure er sor Garcia preferisce er parla’ romano, perché arissomija a la parlata andalusa e lo capisce mejo. Daje Rudi sei dei nostri.

    Comment by 'svardoASR'29 — 10 Aprile 2014 @ 14:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>