Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Marzo 2019

Li venerdì de Quaresima

Li venerdì de Quaresima

***

La carne nun se magna si è astinenza,

er venerdì in Quaresima è un esempio.

Lungi da me volé burlà cor Tempio,

ma vojo evidenzià ’sta diferenza.

 ***

Si nun tocco la ciccia, ma m’ariempio

co tutto quer che ciò ne la dispenza,

da che me so’ astenuto, in mia coscènza,

quann’ho magnato ar punto da fà scempio?

 ***

Senza la carne, nun me metto in pace,

si ciò la gotta o so’ veggetariano,

’gni artra parola è morta co un “qui giace”.

 ***

Pe me astinenza è in senzo più profano,

arinuncià a quarcosa che me piace,

ch’è fórze un sacrificio più cristiano.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. La carne nun se magna si è astinenza,
    er venerdì in Quaresima è un esempio.
    Lungi da me volé burlà cor Tempio,
    ma vojo evidenzià ’sta differenza. … (continua)

    Comment by Stefano — 11 Aprile 2014 @ 07:15
  2. Interpretazione corretta anche secondo me. Se la Quaresima è tempo di penitenza, una rinuncia è perfettamente conforme al suo autentico significato.

    Comment by Silvio — 7 Aprile 2017 @ 08:42
  3. Non solo astinenza, ma anche preghiera, visto che quello che sta accadendo nel mondo non è la proiezione di un bel futuro.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 7 Aprile 2017 @ 10:43
  4. Bon pomeriggio. A parte er fatto che arispetto sempre tutti li venerdì e pure li martedì a nun magna’ carne e manco l’ova, ché ne so’ derivati; pe’ tutta ‘a Quaresima nun la magno, solo pesce a li soliti giorni e verdura. Ma c’è ‘n tipo d’astinenza, quello che s’arichiama a la debbolezza d’a carne der tipo “affettivo”.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 7 Aprile 2017 @ 13:28
  5. Questo sonetto mi trova d’accordo: se non mangio carne, ma mi abbuffo di altre leccornie, non è certo un’astinenza! Comunque, devo dire che le grandi abbuffate non le pratico mai, anche nei tempi di feste.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 22 Marzo 2019 @ 11:38
  6. L’ultima terzina è saggia e veritiera: è questo infatti il vero senso dell’astinenza, della penitenza e della meditazione sul mistero della Pasqua di Resurrezione.

    Comment by Silvio — 22 Marzo 2019 @ 11:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>