Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Aprile 2014

Er ritorno de la Fraschetta

Er ritorno de la Fraschetta

***

E questa sì ch’è ‘na bella notizzia,

ariapre finarmente la Fraschetta,

ignobbirmente chiusa, se slucchetta

ariarza li battenti e s’arinizzia.

***

Da via Brunetti, (zona via Ripetta),

la stessa robba, de pari delizzia,

che sa soddisfà er còre e che ce sfizzia,

passa a Caster Sant’Angelo e s’assetta.

***

Così che te turista o te viandante

che te fai un giro e passi pe San Pietro,

ch’è a un attimo de strada nun distante …

***

… fermete qua in Fraschetta e viemme dietro,

fa’ come me e sédete a l’istante

nun rimané de fòra a guardà er vetro.

***

Stefano Agostino

_________________________________

  1. E questa sì ch’è ‘na bella notizzia,
    ariapre finarmente la Fraschetta,
    ignobbirmente chiusa, se slucchetta
    ariarza li battenti e s’arinizzia. … (continua)

    Comment by Stefano — 14 Aprile 2014 @ 07:32
  2. Che bella notizia! Quanti ricordi, magnàte in allegria, tempi di cazzeggio, tradizione romana, aria di casa, romanismo e romanesco imperante: tutto questo era la fraschetta! E poi se sa, de ventotto ce n’è uno, il laziale è a meno trentuno!!!

    Comment by Silvio — 14 Aprile 2014 @ 08:18
  3. Ma una volta le fraschette stavano ai Castelli, a Roma non me le ricordo. Bentornate comunque!

    Comment by letizia — 14 Aprile 2014 @ 10:43
  4. Ti ricordi bene, cara Letizia. Infatti quella di via brunetti era un’eccezione.

    Comment by Stefano — 14 Aprile 2014 @ 13:22
  5. Le fraschette de ‘na vorta staveno subbito dopo che feniva l’abitato de la città. Parlo der tempo subbito prima de l’urtima guera.Presempio a porta San Paolo, ando sta l’ACEA, c’ereno tre o quattro fraschette. Pe la primavera e le festività de sti tempi ereno piene; ce se beveva vino bono de li castelli ch’arivava cor “caretto a vino”, a noi regazzini ce daveno ‘a gazzosa cor tappo a pallina,ce se magnava ‘na bona cucina oppure quello che te portavi, loro te daveno er comodo der servizio a pagamento. Ereno semprici baracche de legno co ‘na parte aricoperta de canne e frasche sempre verdi.
    Quanno ner ’37 arivò Hitler, quer tratto fu coperto da ‘n cumulo de tera che l’annisconneva. La stazione Ostiense de le FF.SS. era stata appena costruita, ma ‘ntorno era tutta campagna. Ricordi de ‘n regazzino.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 14 Aprile 2014 @ 14:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>