Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Aprile 2014

Santi Angelo e Karol

Santi Angelo e Karol

***

Karol Wojtyla e Angelo Roncalli,

nun è pe puntijà, ma fà attenzione,

Santi nun so’ pe canonizzazzione,

ché manco er Papa “Santi” mai pò falli.

***

Da oggi ponno avé venerazzione,

ovunque ar monno, e chiese pe adoralli,

ma nun è l’omo qui a “santificalli”,

lo pò fà solo Dio, nun c’è questione.

***

Angelo e Karol, tanto, in Paradiso,

ce stanno dar seconno dopo avanti

da quanno ch’hanno chiuso l’occhi ar viso.

***

Da quer momento esatto che sò “Santi”,

ma oggi tutto er monno pò, indiviso, 

chiamalli co ‘sto nome e intonà canti.

***

Stefano Agostino

_____________________________________

  1. Karol Wojtyla e Angelo Roncalli,
    nun è pe puntijà, ma fà attenzione,
    Santi nun so’ pe canonizzazzione,
    ché manco er Papa “Santi” mai pò falli. … (continua)

    Comment di Stefano — 27 Aprile 2014 @ 07:40
  2. Bravo! Angelo e Karol ti benedicono dal Cielo!

    Comment di letizia — 27 Aprile 2014 @ 15:12
  3. Hai voja a di’, ma nun ce so’ santi, ‘sti Papi so’ diventati propio Santi.

    Comment di 'svardoASR'29 — 27 Aprile 2014 @ 23:01

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>