Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 settembre 2018

Er dilemma der boccale

Er dilemma der boccale

***

Da sempre vive un dramma esistenziale,

che è un continuo e lento andirivieni:

si ce l’hai vòto, tocca che lo ’mpieni,

si l’hai riempito, s’arisvota uguale.

***

Circuito che collega gola e reni,

se pò chiamà “dilemma der boccale”,

che quann’è vòto te se sente male,

ma pieno nun vò stà, ché nun lo freni.

***

E ’st’artalena ar vetro e a ’ste magnere,

succede solo si tracanni er vino,

co l’acqua nun ce sò ’ste tiri-tere.

 ***

Ma bada che a annà appresso a ’sto trenino,

de riempi-e-svota-e-riempi quer bicchiere,

te fai sgamà a la prova palloncino.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Er dilemma der boccale

***

******

  1. Da sempre vive un dramma esistenziale,
    che è un continuo e lento andirivieni:
    si ce l’hai vòto, tocca che lo ’mpieni,
    si l’hai riempito, s’arisvota uguale. … (continua)

    Comment by Stefano — 30 aprile 2014 @ 07:46
  2. A Sté, te ricordi quando volevamo intitolá un libro di raccolta di tue poesie etiliche “In vino veritas, in mintio libertas”???
    Per risolvere definitivamente il dilemma del boccale la soluzione é fare come i russi, che dopo aver bevuto lanciano il bicchiere per terra che si frantuma in mille pezzi…

    Comment by Silvio — 30 aprile 2014 @ 17:04
  3. Bello!!!
    Per fortuna, io non ho questi problemi: sono astemia! Buone bevute e Buona Giornata!

    Comment by letizia — 3 giugno 2017 @ 10:59
  4. Bere è ancora uno dei piccoli piaceri della vita, qualcosa che ci dà gioia soprattutto se in compagnia. Recita un aforisma romano: FA QUELLO CHE TE FA FELICE PERCHE’ TU SEI ER QUADRO, NO A CORNICE!

    Comment by Silvio — 14 settembre 2018 @ 09:35
  5. Sonetto divertente, mi ha fatto molto sorridere! Io, comunque sono astemia, per cui non ho questo problema: “riempi-e-svota-e-riempi”!
    Prosit e Buona Giornata!

    Comment by letizia — 14 settembre 2018 @ 12:03
  6. Questo sonetto è un capolavoro, degno del miglior Fabrizi. Chapeau!

    Comment by Pablo BigHorn — 15 settembre 2018 @ 18:24
  7. Grazie Paolo. Sempre carino con me.

    Comment by Stefano — 16 settembre 2018 @ 07:21

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>