Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

20 Maggio 2014

Er Nasone

Er Nasone

***

Stai ferma lì, chissà chi te cià messo,

la faccia cor beccuccio a pennolone,

pe l’artri “fontanella”, sei er “Nasone”,

dijelo ar cane che te crede un cesso.

 ***

Hai dissetato un sacco de perzone,

sputanno l’acqua, pure si in eccesso,

tant’è che a ripenzacce bene adesso,

chi cacchio avrà pagato, Pantalone ?!?

 ***

Ma che tristezza mó a sapette chiusa,

là sola, su a l’incrocio, in fonno ar viale,

nemmanco più er fioraro, ormai, te usa.

 ***

Prodiggio der progresso nazzionale,

t’hanno piombata, come ’na reclusa,

pe daje spazzio a l’acqua minerale.

****

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Stai ferma lì, chissà chi te cià messo,
    la faccia cor beccuccio a pennolone,
    pe l’artri “fontanella”, sei er “Nasone”,
    dijelo ar cane che te crede un cesso. … (continua)

    Comment by Stefano — 20 Maggio 2014 @ 07:15
  2. Uno dei tanti simboli de Roma nostra in via d’estinzione!

    Comment by Silvio — 20 Maggio 2014 @ 08:28
  3. Quante belle bevute, specialmente d’estate, con quell’acqua così fresca, che c’era solo a Roma!

    Comment by letizia — 20 Maggio 2014 @ 09:33
  4. I “nasoni” so’ destinati a scompari’, potranno esse’ sostituiti da funtanelle in travertino, pe evita’ che gli amorini di Marino e generarmente der PD, l’arubbano come fanno co tombini. Pe corpa de sti disgrazziati, stanno a pari’ tante belle cose de Roma.

    Comment by 'svardoASR'29 — 20 Maggio 2014 @ 12:18
  5. Benedetti i “nasoni” quando hai la gola secca….

    Comment by principessa — 20 Maggio 2014 @ 14:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>