Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Giugno 2014

Er mejo anti-stress

Er mejo anti-stress

***

Qui artro che imbottisse de carmanti,

de antibuggerotici e, in corzivo,

de ‘gni “cascè”  più antidepressivo,

de anziolitici e de tranquillanti.

***

Abbasta usà, e no pe palliativo,

un VAFFANCULO de quelli giganti

che viè dar còre e no uno de tanti,

sprecati senza un vero suo obbiettivo.

***

Che parta dar profonno e esploda dentro,

salisce a razzo tra trachea e gola,

e in quer passaggio, e in quer tempo entro…

***

… la bocca che lo dice se conzola,

penzanno ar fatto ch’ha già fatto centro,

a proferì sortanto la parola.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Qui artro che imbottisse de carmanti,
    de antibuggerotici e, in corzivo,
    de ‘gni “cascè” più antidepressivo,
    de anziolitici e tranquillanti. … (continua)

    Comment di Stefano — 4 Giugno 2014 @ 07:13
  2. Ar monno nun c’è unione più perfetta de ste 4 parole, unite in unico vocabolo, pe’ esterna’ ‘n sentimento che pò esse’ affettivo, se accompagnata da ‘n soriso e da ‘na pacca su le spalle, oppure liberatorio ner prega’ quarcuno a levasse da le scatole.

    Comment di 'svardoASR'29 — 4 Giugno 2014 @ 08:49
  3. Espressione eternamente popolare, sempre presente, sempre attuale, mai banale nè superflua, pronta a condire ogni frase puranche d’affetto, un bicchiere da bere tutto d’un fiato, ‘no sfogo liberatorio, de còre, che “salisce a razzo tra trachea e gola” !!!

    Comment di Silvio — 4 Giugno 2014 @ 09:20
  4. GRANDIOSO! Enzo Salvi c’ha fatto una canzoncina!

    Comment di letizia — 4 Giugno 2014 @ 09:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>