Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

15 Luglio 2017

Er riposo der gueriero

Er riposo der gueriero

***

Riposo der gueriero de forchetta,

che fino a poco fa come magnava,

manco ’na tigre a l’isola de Giava,

fin’a lustrasse er piatto de scarpetta.

 ***

È steso lì, dar trono che occupava,

’sto Re de “Cacioepepe” e de “Porchetta”,

che dopo la magnata prediletta,

s’accascia e se sletarga a fà la bava.

 ***

Stennese a letto, ch’hai finito er piatto,

a guardà bene, nun è mica strano,

nun è ’sto magnaccione a èsse un matto.

 ***

È er campà d’oggi che nun è più sano,

ce porta sempre a córe, e questo è er fatto,

chi riesce a appennicasse mó è un marziano.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Er riposo der gueriero

***

******

  1. Riposo der gueriero de forchetta,
    che fino a poco fa come magnava,
    manco ’na tigre a l’isola de Giava,
    fin’a lustrasse er piatto de scarpetta. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 Giugno 2014 @ 06:46
  2. Strepitoso il “s’accascia e se sletarga a fà la bava”!
    Inno alla filosofia del gaudente: vivere ogni giorno come fosse l’ultimo!!!

    Comment by Silvio — 12 Giugno 2014 @ 09:54
  3. Bongiorno. E’ tempo de vacanza, pe chi pò: s’allenta ‘n pò ‘a dieta e s’approfitta co’ ‘a pennichella. Er guaio ‘o riscopri quanno monti su ‘a bilancia.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 23 Agosto 2016 @ 07:18
  4. Il sonetto è favoloso, la foto del leopardo è magnifica! Che altro devo dire? solo FORZA ROMA SEMPRE (e speriamo bene)!!!

    Comment by letizia — 23 Agosto 2016 @ 12:50
  5. Er fatto è che, dar primo dopoguera, dopo tante strettezze, avemo cambiato er modo d’alimentacce; ce abbufamo de pastasciutta, guasi aboliti li minestroni, magnamo carne guasi tutti li santi giorni e …….. co l’avvento de diavolerie tecnologgiche, ce movemo sempre de meno. Loggico che mo ‘na magnata, speciarmente cor clima ‘nfernale de s’urtimi anni, ce vie, necessariamente spontaneo, de facce er pisolino. Ma daje, nun stamo a lamentacce d’avecce ‘na panza sempre gravida

    Comment by 'svardo AsR'29 — 15 Luglio 2017 @ 11:28
  6. Buon pranzo (senza abbuffarsi)! e
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 15 Luglio 2017 @ 11:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>