Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 Giugno 2014

Esame de Maturità – Matematica

Esame de Maturità – Matematica

***

Io co la matematica ce pìo,

più o meno come so “tajo e cucito”,

er due più due, vabbè, ce so’ riuscito,

ma in tutto er resto c’è voluto Iddio.

***

E ancora oggi penzo a come è ito

er compito a l’esame, quello mio,

e in quale modo e in quale schifio,

si nun copiavo, sarebbe finito.

***

Ché quanno hanno dettato quer probblema,

io me guardavo fisso la lavagna,

er fojo bianco e co ‘na faccia scema.

***

Ma grazzie a quello avanti, ‘na montagna,

che me coprì, fu sì ch’er teorema

fu quello ch’ho copiato a ‘na compagna.

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. Io co la matematica ce pìo,
    più o meno come so “tajo e cucito”,
    er due più due, vabbè, ce so’ riuscito,
    ma in tutto er resto c’è voluto Iddio. … (continua)

    Comment di Stefano — 19 Giugno 2014 @ 11:18
  2. Bono er penziero der giorno:”Colpo di spugna e si spegne la Spagna”……. perché nun spigne.

    Comment di 'svardoASR'29 — 19 Giugno 2014 @ 17:09

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>