Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Giugno 2014

21 giugno 2014 – Giulia e Roberto sposi

In nome e per conto di papà Gabriele e mamma Lia

21  giugno 2014 – Giulia e Roberto sposi

***

I

***

Robbe’, lo sai che io sortanto adesso,

mó ch’hai deciso tu de maritatte,

me pare solo ora de guardatte,

come sei oggi tu, in tutto te stesso?

***

Nun dico che poppavi ancora er latte,

ma, sai com’è?, pe un padre sei l’istesso

pure cresciuto e granne e grosso e spesso,

sei sempre er pupo là, d’abbraccicatte.

***

E invece mó te sposi e, come un treno,

score la vita ch’è passata avanti,

veloce come un lampo de baleno.

***

Ripenzo, e già me sembreno distanti,

li giorni a pescà inzieme e peschi meno,

ché vinco sempre io, nun ce sò santi.

***

II

***

E come “flesch” me sarteno in memoria

li fotogrammi de tutta ‘na vita,

li giorni, sia in discesa che in salita,

ma ch’hanno fatto poi la nostra storia.

***

Tu’ madre, Lia, la gioja mia infinita,

co tu’ sorella, Laura, la bardoria,

er tifo tuo,  la Roma e annà a Trigoria,

co me “interista” a fà noi la partita.

***

E quele lunghe e intenze discussioni,

su tutte le questioni e l’argomenti,

fin’a scallà l’ambiente e a arzà li toni.

***

Ma sempre ner rispetto de le menti,

de l’artre idee e de l’artre oppignoni,

finenno co un soriso a mille denti.

***

III

***

Poi sei partito a lavorà in Toscana,

è lì che sei cresciuto e da regazzo,

sei diventato omo, guasi a razzo,

aperto ar monno, uscito da la tana.

***

È lì ch’hai conosciuto, su un terazzo,

de ‘na città splennente, Garfagnana,

‘sta perla nostra, Giulia, che te sana

solo a guardaje l’occhi, dà imbarazzo.

***

Bella de modi, ortre che in bellezza,

cor nome che se porta appresso Roma,

che ariempie sempre er còre de grannezza.

***

Perciò tu’ madre e io, co ‘sto diploma,

te dimo in coro: “SPOSA ‘STA DORCEZZA”,

e amateve fin dentro ar cromosoma.

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. SU GENTILE RICHIESTA DI PAPA’ GABRIELE –
    Robbe’, lo sai che io sortanto adesso,
    mó ch’hai deciso tu de maritatte,
    me pare solo ora de guardatte,
    come sei oggi tu, in tutto te stesso? … (continua)

    Comment di Stefano — 20 Giugno 2014 @ 07:32
  2. E’ ‘n’augurio scritto co’ tanta dorcezza in doppio sonetto, ar quale nun se pò replica se nun facenno l’auguri de lunga e felice vita coniugale a sta bella coppia: AUGURI e …. BONA PROLE.

    Comment di 'svardoASR'29 — 20 Giugno 2014 @ 08:42
  3. Viva gli sposi!!!

    Comment di Silvio — 20 Giugno 2014 @ 09:42
  4. TANTI AUGURI DI LUNGA E FELICE VITA INSIEME!

    Comment di letizia — 20 Giugno 2014 @ 17:02
  5. per merito tuo, hai fatto diventare una festa di matrimonio, una serata magica. Sei riuscito a commuovere 160 invitati. Non sapro’ mai come ringraziarti.
    Gabriele e Lia.

    Comment di Gabriele — 22 Giugno 2014 @ 09:00
  6. Gabriele, non mi devi ringraziare. Punto.

    Comment di Stefano — 23 Giugno 2014 @ 06:41
  7. Benchè non abbia la fortuna di conoscere gli sposi di persona, faccio loro tanti auguri e…FIGLIE FEMMINE (POSSIBILMENTE ROMANISTE)

    Comment di principessa — 25 Giugno 2014 @ 10:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>