Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Giugno 2014

C’è sempre chi sta peggio

C’è sempre chi sta peggio

***

Pòi avé penzieri  e preoccupazzioni,

guajacci, jella e centomila impicci,

momenti de sconforto e de pasticci,

e mannà giù er veleno e li magoni.

***

Pòi avé più spine te de rose e ricci,

che fanno uscì perzino lacrimoni,

valanghe de rotture de cojoni,

che guasi te ce impegni e te scapricci.

***

Tirete su, c’è sempre chi sta peggio,

e nun è mar comune, er suo è anormale,

tu ar confronto ciài un trono pe seggio.

***

Si vòi un esempio, penza a te e a quer tale,

che a differenza tua la vita, a sfreggio,

lo sveja ‘gni mattina da lazziale.

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. Pòi avé penzieri e preoccupazzioni,
    guajacci, jella e centomila impicci,
    momenti de sconforto e de pasticci,
    e manni giù er veleno e li magoni. … (continua)

    Comment by Stefano — 23 Giugno 2014 @ 07:08
  2. Defatti er romanista trova sempre, armeno ne la bellezza de li colori gialloerosso, soddisfazzione; mentre er lassiale nun trova’ piacere manco ner colore sbiadito de la majetta.
    Vabbè, ariconsolamose co’ l’ajetto.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 23 Giugno 2014 @ 07:58
  3. Gente allegra Dio l’aiuta! Ci vuole ottimismo nella vita, che noia e tristezza la gente che vive lamentandosi…

    Comment by Silvio — 23 Giugno 2014 @ 08:56
  4. Chi più, chi meno, ognuno di noi ha la sua croce da portare!

    Comment by letizia — 23 Giugno 2014 @ 09:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>