Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Luglio 2014

Terorista fai da te?

Terorista fai da te?

***

Ce mancheno li fonnamentalisti

a minaccià de conquistasse Roma,

ma sì, ma certo, damoje er diploma

de faje fà così li teroristi.

***

Venite pure, daje, e come idioma

usate quello de li “jihadisti”,

de chi vò cancellà li Gesuccristi,

e cià la barba e un turbante a chioma.

***

Te do un conzijo, si vòi fatte un giro

come turista, sai, sei er benvenuto,

manco a sprecacce inchiostro de ‘na biro.

***

Ma si l’intento tuo, invece, è balordo,

nun stacce a perde manco più un minuto,

e nun t’avvicinà manco ar Raccordo! 

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Ce mancheno li fonnamentalisti
    a minaccià de conquistasse Roma,
    ma sì, ma certo, damoje er diploma
    de faje fà così li teroristi. … (continua)

    Comment di Stefano — 3 Luglio 2014 @ 07:09
  2. Per questa gente mi permetto sommessamente un solo suggerimento: invece de fà guere de religione godèteve la vita, ridete e mangiate coi vostri amici, fate felici le vostre donne, vivete in pace co’ tutti, che la vita è un mozzico!!!

    Comment di Silvio — 3 Luglio 2014 @ 07:56
  3. Ma questi non hanno altro da fare?

    Comment di letizia — 3 Luglio 2014 @ 09:36
  4. Io ce avrei er timore che parla co cognizzione de causa, e i nostri amministratori polici je stanno a da’ ‘n grossa mano. Possibbile che nun ce accorgemo che li tenemo già dentro casa? Mare Nostrum è ‘na porta aperta e pò entra’ chiunque vòle. Si ‘na bella matina ce svejamo co Roma piena de sti puzzoni dentro ar Vaticano, me sa ch’arimanemo co le pal…ops, sacre sfere ‘n mano.

    Comment di 'svardoASR'29 — 4 Luglio 2014 @ 15:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>