Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

21 Luglio 2014

Er teledipennente

Er teledipennente

***

Seduto apportronato sur divano,

me sembri un Re ar posto de comanno:

tutt’er potere in quer telecomanno,

che ’mpugni forte e stretto ne le mano.

 ***

Schiacci li tasti e credi sia un inganno,

si te se ’nceppa er dito a piggià piano,

ché vòi vedé ’gni cosa e, da surtano,

tra li canali zompi sartellanno.

 ***

Questo nun fa pe te, nun t’appassiona,

quest’artro nun è male, ma t’annoja,

cambi programma, er dito te se ustiona.

 ***

E pe nun contrastà ’sta paranoja,

’na cosa, guasi sempre, te cojona:

nun riesci a véde gnente … porca troia!

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Seduto apportronato sur divano,
    me sembri un Re ar posto de comanno:
    tutt’er potere in quer telecomanno,
    che ’mpugni forte e stretto ne le mano. … (continua)

    Comment di Stefano — 21 Luglio 2014 @ 07:41
  2. Avecce vicino uno così, ner mentre vòi vede’ ‘n programma definito, è ‘na grandissima jattura.

    Comment di 'svardoASR'29 — 21 Luglio 2014 @ 07:55
  3. Auguri, congratulazioni per il lustro compiuto in rima, segno di una vitalità creativa inesauribile!

    Comment di Silvio — 21 Luglio 2014 @ 09:00
  4. Mia nonna era TELENOVELAS-dipendente, teneva la tv a tutto volume e nemmeno sentiva il citofono!

    Comment di principessa — 21 Luglio 2014 @ 15:37

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>