Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Luglio 2014

‘Na tore de Babbele

‘Na tore de Babbele

***

A vorte ho come guasi l’impressione

de vive come dentro a ‘na Babbele,

tutti parlamo, più de radio e tele,

‘gnuno co la sua idea, la sua oppignone …

***

… che come ne la Tore a Israele,

nun c’è ‘na lingua sola a fà nazzione,

nun se capimo e in piena confusione,

restamo in arto mare, senza vele.

***

È brutto nun capisse più pe gnente

è vero: “viva er libbero penziero”,

ma che me serve, si in mezzo a la gente …

***

… me faccio intenne, da uno a dieci, zero,

e sto a convince me, no chi me sente,

che quer ch’io vedo bianco, vede nero.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. A vorte ho come guasi l’impressione
    de vive come dentro a ‘na Babbele,
    tutti parlamo, più de radio e tele,
    ‘gnuno co un’idea sua, un’oppignone … (continua)

    Comment by Stefano — 11 Luglio 2014 @ 07:46
  2. Er problema nun è tanto che tutti vonno dì la loro, ma le cazzate che tocca sentì…

    Comment by Silvio — 11 Luglio 2014 @ 09:08
  3. Scusateme, ma so’ antico: “Co’ tanti galli a canta’ nun fu mai giorno”. Er sonetto ha espresso pienamente er significato der vecchio proverbio.

    Comment by 'svardoASR'29 — 11 Luglio 2014 @ 13:34
  4. Nun capisco perché, ‘a “Rosea” abbina l’arivo de la Lazio a Auronzo, co er ventilato desiderio de Lotito de diventa’ sinnaco de Roma. Nun è, che c’è ‘n’inconscio penziero de sottaciute desinenze?

    Comment by 'svardoASR'29 — 11 Luglio 2014 @ 14:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>