Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Luglio 2014

La fine der mese

La fine der mese

***

Er cruccio un po’ de tutti sò li sòrdi:

nun sò mai giusti pe coprì li buci,

dipenne da la vita che conduci,

si vòi campà de sogni o de ricordi.

 ***

In busta paga nun ce sò mai luci,

si chiedi aumenti, è mejo che li scordi,

ché a quanno a grilli, sia, che quanno a tordi,

’gni giorno vivi sotto a dieci duci.

 ***

Mi nonno, m’aricordo, nun capiva,

chi stava già in bolletta a fine mese,

visto ch’er 27 percepiva.

 ***

Fin’ar 31 lui era un marchese,

ma l’artri 26 come smartiva,

tra buffi, buci, conti in rosso e spese.

***

Stefano Agostino

______________________________________

  1. Er cruccio un po’ de tutti sò li sordi:
    nun sò mai giusti pe coprì li buci,
    dipenne da la vita che conduci,
    si vòi campà de sogni o de ricordi. … (continua)

    Comment di Stefano — 23 Luglio 2014 @ 07:05
  2. ERr 27 è rimasto solo pe li dipennenti de l’amministazzione pubblica, pe l’antri der privato c’è er 5 der messe successivo a quello andove è maturata ‘a paga. Comunqu non ariveno guarmente a fine mese.

    Comment di 'svardoASR'29 — 23 Luglio 2014 @ 10:44
  3. Sono tempi duri per “quasi” tutti, poi ci sono quelli che ne hanno troppi….e non gli bastano mai.

    Comment di letizia — 23 Luglio 2014 @ 12:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>