Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Luglio 2014

Esse padre

Èsse padre

***

Chissà come dev’èsse tutt’a un tratto

l’istante in cui comprenni che sei padre,

vedé quer bimbo lì, fianco a su’ madre,

eppoi capì che anche tu l’hai fatto.

 ***

Le fabbriche der monno, oneste o ladre,

nun riusciranno mai a produre l’atto

de tirà fòri un pupo, tutto intatto,

nimmanco co operai riuniti in squadre.

 ***

Sta lì pe te ’sto scricciolo indifeso,

che s’accontenta de ciucciasse er latte,

nun è venuto ar monno, lui l’ha acceso.

 ***

Si fossero pe me l’occhi che sbatte,

me sentirebbe lì d’avé compreso,

che mó c’è lui e pe lui tocca combatte.

***

Stefano Agostino

_____________________________________

***

  1. Chissà come deve èsse tutt’a un tratto
    l’istante in cui comprenni che sei padre,
    vedé quer bimbo lì, fianco a su madre,
    eppoi capì che anche tu l’hai fatto. … continua

    Comment di Stefano — 24 Luglio 2014 @ 06:31
  2. Bellissimo e ti auguro di provare quelle sensazioni che descrivi così bene!
    Buona giornata a tutti.

    Comment di letizia — 24 Luglio 2014 @ 08:44
  3. Le fabbriche der monno, oneste o ladre,
    nun riusciranno mai a produre l’atto
    de tirà fòri un pupo, tutto intatto,
    nimmanco co operai riuniti in squadre. DA APPLAUSO!
    E’ una sensazione grande èsse padre: orgoglio e responsabilità al contempo! Un figlio è la continuazione di se stessi!

    Comment di Silvio — 24 Luglio 2014 @ 09:23
  4. Ste’, nun ce so’ parole pe descrive er momento ‘n cui l’infermiera te mette ‘n braccio ‘a creatura. Incommensurabbili quelle che provi, quanno sur telefonino t’ariva così, senza arcun motivo, da tu fijo 50enne, ‘n messaggio che te dice: “Ti voglio bene”; je chiedi er perché de sto messaggio ‘mprovviso e lui te rimanna: “No, è che sono contento d’averti come padre”. Me stanno aveni’ i brividi solo a ricordallo. Ho sarvato i due messaggi.

    Comment di 'svardoASR'29 — 24 Luglio 2014 @ 12:40
  5. P.S.: Fattelo descrive da tu padre, quello che prova a li compleanni, leggenno i sonetti che je dedichi.

    Comment di 'svardoASR'29 — 24 Luglio 2014 @ 12:44
  6. Grazie a tutti. ‘Svardo, mi hai commosso

    Comment di Stefano — 24 Luglio 2014 @ 12:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>