Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Dicembre 2009

Fatti e parole

Tags: , ,

bla-bla-bla

Fatti e parole

***

Ammazza si sei bravo a parole.

Sei ‘n grande, sai fa’ tutto, sei coerente,

onesto, giusto, fico e intraprendente,

e uno che sa sempre cosa vòle.


Quanno però, inevitabirmente,

s’ha da passa’  poi a fatti, addio scòle,

addio morali da ‘mparti’ a la prole,

de quej discorsi, nun te resta gnente.


Ch’è facile a vòrte da’ consiji,

quanno ‘na cosa, in fònno, nun te tocca,

e nun ce sta da tira’ in su l’artiji.


Ma si succede a te, tutto se blocca,

e quei discorsi tuoi, da padre a fiji,

serveno solo a fa’r fiato a la bocca.


Stefano Agostino

_____________________________

  1. Io, fin da piccola, sono sempre stata una persona di POCHE PAROLE 😀

    Comment di Principessa — 20 Dicembre 2009 @ 21:25
  2. Dedicherei con piacere questo tuo stupendo sonetto a mio padre…

    Comment di David — 17 Marzo 2010 @ 05:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>