Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Agosto 2014

Er PIL, er MIB, lo SPREAD e er DEFAULT

Er PIL, er MIB, lo SPREAD e er DEFAULT

***

Se ferma er PIL, che è er prodotto “lordo”,

e nun esiste nome più appropiato,

s’abbassa er MIB, ch’è quanto viè quotato,

che un tempo annava in su, ma è più un ricordo.

***

S’arza lo “SPREAD”, valore de mercato,

che segna a quant’è er limite der bordo,

pe sta a indicà che nun ce sta più un sòrdo,

così che poi er DEFAULT è dichiarato.

***

DEFAULT e SPREAD e MIB e PIL che inzieme,

pe uno a cui er penziero se disperda,

potrebbero sembrà, si presi assieme, …

***

… er testo RAP che un Eminem se perda,

invece vonno dicce, e assai je preme,

che stamo tutti quanti ne la mer.. !!!

***

Stefano Agostino

_________________________________

  1. Se ferma er PIL, che è er prodotto “lordo”,
    e nun esiste nome più appropiato,
    s’abbassa er MIB, ch’è quanto viè quotato,
    che un tempo annava in su, ma è più un ricordo. … (continua)

    Comment by Stefano — 16 Agosto 2014 @ 06:26
  2. be’ la rima de la chiusa poteva puro annà più mejo si era co strazzio …
    pe uno a cui er penziero je dà
    strazzio,
    p’er testo RAP un Eminem paga dazzio,
    che stamo tutti quantio ne la lazzio.

    Comment by Elio Malloni — 16 Agosto 2014 @ 06:41
  3. Fin’a mo’, noi itagliani, stavamo in anzia, mo ce se so’ associati li germanichi e li franciosi: “ave’ compagni ar dòl, scema ‘a pena”; ma si pure ‘a pena è diventata scema, fatece capi’ andove avemo da anna’!?

    Comment by 'svardoASR'29 — 16 Agosto 2014 @ 09:06
  4. Siamo davvero immersi nella m……

    Comment by letizia — 16 Agosto 2014 @ 12:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>