Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 Agosto 2014

Riabbraccicasse Roma

Riabbraccicasse Roma

***

È bello annà in vacanza e salutare,

quarziasi sia er pizzo scerto ar monno,

dar più vicino, fino a lo sprofonno,

città, montagna, colle, lago o mare.

***

È bello annà a scoprì da cima a fonno

un posto, dar più noto e popolare,

a quello ameno, più particolare,

p’ariposasse o vive senza sonno.

***

Ma è artrettanto bello rientrà a casa,

che sola cià er profumo e quer suo aroma,

ch’è un tuffo ar còre, in cui ce se travasa.

***

Arisentì parlà quer caro idioma,

e tutto er monno va in “tabbula rasa”,

quanno che torni a abbraccicatte Roma !!!

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

  1. È bello annà in vacanza, e salutare,
    quarziasi sia er pizzo scerto ar monno,
    dar più vicino, fino a lo sprofonno,
    città, montagna, colle, lago o mare. … (continua)

    Comment di Stefano — 19 Agosto 2014 @ 07:02
  2. … strabella !!

    Comment di Elio Malloni — 19 Agosto 2014 @ 12:42
  3. Aoh , semo o nun semo? Si, semo tristi, e stamo a vede’ come stanno a arovina’ casa nostra.

    Comment di 'svardoASR'29 — 19 Agosto 2014 @ 14:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>