Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Agosto 2014

Dar Vangelo der giorno: “la propia croce”

Dar Vangelo der giorno: “la propia croce”

***

“Me uccideranno a Gerusalemme,

ma risusciterò ner terzo giorno”,

Gesù a li discepoli là intorno,

Pietro je disse: “MAI” e carcò la “emme”.

***

Gesù je fece: “Levete de torno,

sei Satana” e quello, lemme lemme,

s’aritirò dar Santo de Betlemme,

pe evità quarziasi artro scorno.

***

“Si segui me, rinnegherai te stesso,

e prenni e accetti su di te ‘na croce,

l’unico modo pe nun èsse fesso …

***

… e annà a l’Inferno dritto, dritto a coce,

si vòi sarvatte fàllo già da adesso”,

disse Gesù,   … e ascortala ‘sta voce.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

  1. “Verò ucciso a Gerusalemme,
    ma risusciterò ner terzo giorno”,
    Gesù a li discepoli là intorno,
    Pietro je disse: “MAI” e carcò la “emme”. … (continua)

    Comment by Stefano — 31 Agosto 2014 @ 07:38
  2. Ancora un bel sonetto ispirato al Vengelo del giorno. Il fatto è che, oltre alla nostra croce di dotazione, ci hanno trasformati in Cirenei e, raddoppiando la nostra, alleggeriamo i nostri bravi governanti e contorno della loro.

    Comment by 'svardoASR'29 — 31 Agosto 2014 @ 16:45
  3. ‘svardo, hai detto il vero!

    Comment by letizia — 1 Settembre 2014 @ 16:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>