Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Settembre 2014

Sonetto n. 1000

Sonetto n. 1000

***

“Stai ferma lì, chissà chi te cià messo”,

er primo verzo der primo sonetto,

quer giorno lì chi mai l’avrebbe detto

che ne scrivevo mille artri appresso?

***

So’ arivato a mille, ch’è un ber tetto,

ma fino a che m’addormo da un cipresso,

me possino cecamme pure adesso,

io nun me fermo de rimà cor petto.

***

Rimà cor petto pe indicà cor còre,

ché er giorno che nun scarica scintille,

finisco de strofà e fà lo scrittore.

**

Ma mó ‘ste cose manco serve a dille,

ringrazzio, co ‘sto verzo, te, lettore,

e te do appuntamento fra artri mille.

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. “Stai ferma lì, chissà chi te cià messo”,
    er primo verzo der primo sonetto,
    quer giorno lì chi me l’avrebbe detto
    che ne scrivevo mille artri appresso. … (continua)

    Comment by Stefano — 4 Settembre 2014 @ 07:55
  2. Spero de leggeli e commentalli tutti, pure si me toccherà subi’ la catastrofe de li mille giorni promessi da ‘n’antro.
    Comunque se tratta d’arivacce, da parte mia, a ‘n’antri mille giorni.

    Comment by 'svardoASR'29 — 4 Settembre 2014 @ 08:49
  3. Daje Ste’ che Belli lo superi!
    Forza ‘svardo, che te li devi leggere tutti i sonetti di Stefano.

    Comment by letizia — 4 Settembre 2014 @ 10:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>