Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

5 Settembre 2014

Nozze indiane ner Salento

Nozze indiane ner Salento

***

Mó vengheno da noi a fà le nozze,

intenno dì l’indiani ner Salento,

e noi a blindà la zona pe l’evento,

e faje magnà in pace ricci e cozze.

***

Che ber Paese er nostro, so’ contento,

immerzo tra scartoffie, carte e bozze,

e tra mijardi e più de cose zozze,

ma a ‘st’ospitalità sta bene attento.

***

Volevi venì qua p’er matrimogno?

Beh, porta li marò tra l’invitati,

eppoi te pòi sposà in nozze da sogno!

***

Nun pòi? Beh, amico mio, ce sò artri Stati,

te n’indico si vòi e si ciài bisogno …

a “QUER PAESE” già ce séte annati?

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Ce vengheno pure che a fà le nozze,
    intenno dì l’indiani ner Salento,
    e noi a blindà la zona pe l’evento,
    e faje magnà in pace ricci e cozze. … (continua)

    Comment di Stefano — 5 Settembre 2014 @ 08:18
  2. Condivido ‘n pieno er penziero der sonetto. Ce stanno a fa appari’ da str..ani de fronte as sti ricconi de ‘ndiani. Ce se stanno avenne pe du sordi a quelli che, de sti tempi, avrebbero da esse’ i peggiori nemici nostri. La conclusione è che ‘nvece, a quer paese, ce stanno a manna’ loro a noi, tanto se ne fregheno.

    Comment di 'svardoASR'29 — 5 Settembre 2014 @ 08:44
  3. L’ennesima schifezza di quei buffoni che ci “governano”.

    Comment di letizia — 5 Settembre 2014 @ 12:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>