Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

12 Novembre 2016

Trilussa – Le notizzie allarmiste

Le notizzie allarmiste

***

Ner vedello sortì, je corzi appresso.

Dico: “Sor conte, penzi ar pagamento”.

“Oh, – dice – questo qui nun è er momento,

eppoi pe strada nun ho mai permesso”.

***

“Ma io ciavevo fatto assegnamento,

– dico – me paghi come m’ha promesso.

Nun sa che co ‘sta guera ciò rimesso,

armeno un quattromila e cinquecento?”

***

“Lei sparge le notizzie esaggerate”,

m’ha detto er conte e ne l’uscì dar vicolo

ha visto quattro guardie e l’ha chiamate.

***

Quelle sò corze e, assieme a un ufficiale,

m’hanno arestato a norma de l’articolo

trecentotré der Codice Penale.

***

Trilussa

____________________________

***

  1. Ner vedello sortì, je corzi appresso.
    Dico: “Sor conte, penzi ar pagamento”.
    “Oh, – dice – questo qui nun è er momento,
    eppoi pe strada nun ho mai permesso”. … (continua)

    Comment by Stefano — 13 Settembre 2014 @ 06:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>