Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Ottobre 2014

C’è sempre chi sta peggio

 C’è sempre chi sta peggio

 ***

Ottobbre, come inizzio, nun c’è male:

dar primo a sera co la febbre a letto,

stranito forte, stracco e co un aspetto

che Frankenstein ar confronto è normale.

***

Er mar de gola che m’ariva ar petto,

le ossa che me doleno a spirale,

la testa che me gira come pale

e quer che magno subbito riggetto.

***

Si seguito così, che Autunno è pupo,

me immaggino che posso fà ‘st’Inverno,

quanno ch’er tempo è tipico da lupo.

***

Ma poi m’ariconzolo ch’er mio strazzio,

è nulla, e già aringrazzio er Padreterno,

si confrontato a l’èsse de la Lazzio.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

  1. Ottobbre, come inizzio, nun c’è male:
    dar primo a sera co la febbre a letto,
    stranito forte, stracco e co un aspetto
    che Frankenstein ar confronto è normale. … (continua)

    Comment by Stefano — 2 Ottobre 2014 @ 08:09
  2. Guarisci presto Stè!!!

    Comment by Silvio — 2 Ottobre 2014 @ 09:25
  3. Auguri Ste’, cerca de nun abbioccate co ‘sta nòva forma de ‘nfluenza. Carichete de vitamine A; E; D. Ce sarebbe da consija’ pure ‘a B e C, ma quelle ‘e lassamo a la lazzie.

    Comment by 'svardoASR'29 — 2 Ottobre 2014 @ 12:56
  4. Ho letto il sonetto questa mattina, ma non ho potuto farti gli auguri di pronta guarigione (colpa del PC) e te li faccio adesso: DAJE STEFANO!

    Comment by letizia — 2 Ottobre 2014 @ 16:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>