Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

4 ottobre 2018

A San Francesco

A San Francesco

***

Nun se pò esprime solo co un sonetto

quello ch’ha fatto in vita San Francesco,

io armeno, scuserete, nun ce riesco,

ché già così, je manco de rispetto.

 ***

Pe nun impelagamme qui ne esco,

parlanno solamente de un aspetto

che più me tocca: ’st’omo benedetto

ha rinunciato a tutto, a sfarzo e a desco.

 ***

Pe carità s’è fatto poverello,

ben ortre er concepibbile, previsto,

pe Amore vero da portà ar fratello…

 ***

… ’ndove Francesco deve avecce visto,

come ’gni Santo è in grado de vedello,

riflesso Dio, Signore, Gesù Cristo.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Nun se pò esprime solo co un sonetto
    quello ch’ha fatto in vita San Francesco,
    io armeno, scuserete, nun ce riesco,
    ché già così, je manco de rispetto. … (continua)

    Comment by Stefano — 4 ottobre 2014 @ 05:12
  2. Bongiorno. E’ vero, ma il sonetto già dice la grandezza di questo Santo. Ha rinunciato a ogni bene terreno, per farsi povero tra i poveri, nel nome di Cristo. E’ il Santo protettore dell’Italia.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 4 ottobre 2016 @ 08:56
  3. Un gigante tra i Santi.
    Auguri di buon onomastico a tutti i Francesco!

    Comment by Silvio — 4 ottobre 2018 @ 10:06
  4. Se riuscissimo a vedere in ogni essere umano il volto di Gesù Cristo, saremmo tutti santi. Ma questo succede solo ai veri Santi.
    Buona Giornata e Buon Onomastico a tutti i Francesco!

    Comment by letizia — 4 ottobre 2018 @ 11:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>