Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Ottobre 2017

Dar Vangelo der giorno: “l’invitati a nozze”

Dar Vangelo der giorno: “l’invitati a nozze”

***

Er Regno è come un Re che dà un banchetto

de nozze pe su’ fìo, ma l’invitati,

che pure da li servi sò chiamati,

mica ce vanno, oppongheno un riggetto.

***

Allora er Re dice a li servi: “Ingrati,

ho preparato tutto, era perfetto,

e questi, senza un pelo de rispetto,

nun sò venuti, anzi, se sò dati.

***

Ite a chiamà la gente giù pe strada,

chiunque pò venì, si cià ‘na veste

degna de un matrimonio e che je vada”.

***

Quer Re, prima che tutto ebbe inizzio,

a un omo senza l’abbito pe feste,

je disse: “Via de qua. Ner precipizzio”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Er Regno è come un Re che dà un banchetto
    de nozze pe su’ fìo, ma l’invitati,
    che pure da li servi sò chiamati,
    mica ce vanno, oppongheno un riggetto. … (continua)

    Comment di Stefano — 12 Ottobre 2014 @ 07:14
  2. La mia speranza è riposta nel Signore: indosserò l’abito bianco per partecipare al Banchetto Eterno!
    Buona Domenica.

    Comment di letizia — 15 Ottobre 2017 @ 10:51
  3. Ognuno de noi, che s’appoggia ar fatto d’avecce ‘n po’ de fede, se crede d’avecce l”abbito giusto. Nun saremo noi a giudicacce, bensi sarà LUI, perché, ner giudizio, noi semo ‘mperfetti.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 15 Ottobre 2017 @ 14:37
  4. N.B.: Me riferisco a quelli che se vanteno d’esse’ “unti dar Signore”, ner mentre so’ soverchianti ner confronto cor prossimo.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 15 Ottobre 2017 @ 14:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>