Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Ottobre 2014

Un’unica staggione

Un’unica staggione

***

Che nun ce stanno più mezze staggioni,

più che ‘na frase fatta, ormai è scoretto,

ce sta un Autunno fisso, co l’effetto

de bombe d’acqua, piogge e d’alluvioni.

***

Estate e Inverno cambieno d’aspetto,

nun vanno più costumi, né majoni,

ché tanto piove, e ombrelli e ombrelloni,

sò aperti fissi a ariparà dar getto.

***

La Primavera dura un par de giorni,

poi torna a piove a cèlo paro e griggio,

co gioja de zanzare, topi e storni.

***

Sarà che la natura è arivortata,

e a un monno zozzo, a giochi de prestiggio,

co l’acqua vòle daje ‘na lavata. 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Che nun ce stanno più mezze staggioni,
    più che ‘na frase fatta, ormai è scoretto,
    ce sta un Autunno fisso, co l’effetto
    de bombe d’acqua, piogge e d’alluvioni. … (continua)

    Comment di Stefano — 14 Ottobre 2014 @ 08:14
  2. “Sarà che la natura è arivortata,
    e a un monno zozzo, a giochi de prestiggio,
    co l’acqua vòle daje ‘na lavata.”
    Si, ma ‘na bella lavata, de quelle che scarcagnificheno, perchè’o zozzo s’è ‘ncrostato fino ‘n fonno.

    Comment di 'svardoASR'29 — 14 Ottobre 2014 @ 09:25
  3. Ahò sarà pure innaturale ma io adoro ‘sta temperatura di costante tiepido caldo…

    Comment di Silvio — 14 Ottobre 2014 @ 11:41
  4. Comunque sembra che gennaio sarà gelido.

    Comment di letizia — 14 Ottobre 2014 @ 13:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>