Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Ottobre 2014

Li passi addietro

Li passi addietro

***

Che periodaccio è questo, amichi cari,

‘gni giorno famo tutti un passo ‘ndietro,

e arcuni sò più lunghi assai de un metro,

 a seguità così, sò cazzi amari.

***

E guai a chi se mette addietro a un vetro,

convinto, fórze più da strani bari,

a sviolinà tarocchi Stradivari,

che a lui nun je riguardi l’annà addietro.

***

Semo coinvorti tutti, chi più o meno,

in de ‘sta danza a gambero mondiale,

sarebbe er caso de svejasse armeno.

***

Vojo penzà che inzieme tutti quanti,

se pò cambià la marcia e tirà er freno,

ch’è un modo pe inizzià a fà un passo avanti. 

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Che periodaccio è questo, amichi cari,
    ‘gni giorno famo tutti un passo ‘ndietro,
    e arcuni sò più lunghi assai de un metro,
    a seguità così, sò cazzi amari. … (continua)

    Comment di Stefano — 16 Ottobre 2014 @ 08:40
  2. Andove anneremo a feni’? Boh!!!

    Comment di 'svardoASR'29 — 16 Ottobre 2014 @ 09:01
  3. Se è vero che la vita è fatta di cicli che hanno un inizio e una fine, beh speriamo almeno di trovarci nella parte più bassa della parabola, dove questa termina, punto dal quale si può solo risalire!

    Comment di Silvio — 16 Ottobre 2014 @ 09:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>