Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Luglio 2018

Nun aspettà quer giorno più speciale

Nun aspettà quer giorno più speciale

***

Nun aspettà quer giorno più speciale

o er tempo necessario o un ber momento,

pe esprime a chi vòi bene er sentimento,

ma dijelo ner modo più normale.

***

Ché semo tutti noi un soffio de vento,

ne ‘sto disegno eterno e univerzale,

e quer che oggi c’è e pare usuale,

domani pò cambià da uno a cento.

***

L’affetti sò la sola cosa ar monno

che fanno immortale ‘na perzona,

armeno ner ricordo più profonno.

***

Perciò, e qui lo scrivo e lo ricamo,

nun aspettà più l’occasione bona,

pe dì un “Te vojo bene” o un “Io te amo!”  

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Nun aspettà er giorno più speciale
    o er tempo necessario o quer momento,
    pe esprime a chi vòi bene er sentimento,
    ma dijelo ner modo più normale. … (continua)

    Comment di Stefano — 20 Ottobre 2014 @ 08:08
  2. “…Ché semo tutti noi un soffio de vento,
    ne ‘sto disegno eterno e univerzale…”.
    Sontuoso. In due versetti hai sintetizzato magistralmente la condizione umana e la natura trascendente del creato!

    Comment di Silvio — 23 Luglio 2018 @ 09:26
  3. A volte c’è una certa ritrosia a esprimere i nostri sentimenti! poi quando passa il tempo ci si accorge di avere perso l’attimo fuggente, ma ormai è troppo tardi. Pensiamoci prima!
    Buona Giornata.

    Comment di maria letizia — 23 Luglio 2018 @ 11:21
  4. Letto er sonetto e, poi, letti i commenti; mi associo allo scritto di Letizia. Purtroppo a volte o quasi sempre, non abbiamo il coraggio di esternare, perché abbiamo l’impressione che sieno futilità.

    Comment di 'svardo — 23 Luglio 2018 @ 12:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>