Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Ottobre 2014

Giornata mondiale de la pasta

Giornata mondiale de la pasta

***

Er 24 ottobbre è ricorenza,

che nun se pò scordà, né se contrasta,

in tutto er monno è er giorno de la pasta,

quale che sia, qui nun c’è diferenza.

***

A Roma pòi varià, senza dì “basta”,

tra gricia, amatriciana e, a l’occorenza,

un “ajo e ojo”, o  carbonara, e penza

a quale scerta ciài e quant’è vasta …

***

… penne, spaghetti, zite o vermicelli,

du’ rigatoni o un ber tajolino,

fusilli, co farfalle o tonnarelli.

***

Conchije, fettuccine o er bucatino,

inzomma basta accenne li fornelli,

coce la pasta ar dente e stappà er vino.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Er 24 ottobbre è ricorenza,
    che nun se pò scordà, né se contrasta,
    in tutto er monno è er giorno de la pasta,
    quale che sia, qui nun c’è diferenza. … (continua)

    Comment di Stefano — 24 Ottobre 2014 @ 08:52
  2. La pasta, asciutta o in brodo o minestra, quant’è buona!

    Comment di letizia — 24 Ottobre 2014 @ 09:37
  3. Bòna come er pane e la pizza, e d’altronde sò de la stessa pasta eheheh!!!

    Comment di Silvio — 24 Ottobre 2014 @ 10:16
  4. Bongiorno me bon venerdì de magro. Oggi se pò svaria’ co: tonnarelli a lo scojo; pasta e broccoli ‘n brodo d’arzilla; spaghetti alle vongole; mezze maniche aripassate in ajo e ojo e connite co ‘na scatoletta de tonno a crudo e ‘na sporverata de prezzemolo e parmigiano (ricetta perzonale, provare per credere)

    Comment di 'svardoASR'29 — 24 Ottobre 2014 @ 12:48
  5. Io, se potessi, mangerei solo pasta e pizza! Ma non posso…

    Comment di principessa — 26 Ottobre 2014 @ 10:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>