Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

29 Ottobre 2014

La vita a catapurta

La vita a catapurta

***

La vita nostra è vita a catapurta,

da quanno se svejamo a notte fonna,

tutt’è ‘na corza, sempre ce se fionna

de qua, de là, de su e de giù e ce s’urta.

***

Sembramo bije, co un gioco de sponna,

da pupi, a regazzini e a gente adurta,

sempre in velocità da rischio murta,

‘ndò coreremo poi? Nun s’arisponna.

***

Er tempo de fermasse pe un momento,

staccà la spina e fà arestà er sistema,

 nun lo trovamo mai, e via cor vento.

***

E dato che ce sò e ho affrontato er tema,

me chiedo: chissà mai si ‘sto fermento,

cià un senzo o no. È ‘na domanna scema?

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. La vita nostra è vita a catapurta,
    da quanno che se svejamo a notte fonna,
    tutt’è ‘na corza, sempre ce se fionna
    de qua, de là, de su e de giù e ce s’urta. … (continua)

    Comment di Stefano — 29 Ottobre 2014 @ 08:24
  2. Lo dico sempre che me sembra de stà dentro a un frullatore, con impegni a incastro a cercà de fàcce entrà più cose possibili, in una costante rincorsa contro l’orologio. E’ per questo che ogni tanto fermo tutto e mi allontano a rallentare il tempo in qualche remoto angolo del pianeta per un terapeutico sacrosanto relax!

    Comment di Silvio — 29 Ottobre 2014 @ 11:02
  3. Ogni tanto farebbe bene staccare la spina e rifugiarsi in un angolino, dentro di sé!

    Comment di letizia — 29 Ottobre 2014 @ 12:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>