Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

17 Novembre 2014

Pioggia perenne

Pioggia perenne

***

“Nun pò piove pe sempre”. Nun c’è detto

più stupido e buciardo in der profonno.

Avoja si pò piove ‘gni seconno

 e nun finilla più, né abbassà er getto.

***

Nun è la pioggia, quella de mi’ nonno,

che te bagnava un po’ la strada e er tetto,

adesso è un cataclisma co l’effetto

de alluvionà er Paese e toje er sonno.

***

‘Gni fiume è gonfio, quanno nun tracima.

l’Italia tutta se pò dì affogata,

pe corpa de li impicci de ‘sto clima.

***

E nun je viè de dasse ‘na carmata,

continua a venì giù, peggio de prima …

“Nun pò piove pe sempre” è ‘na cazzata.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. “Nun pò piove pe sempre”. Nun c’è detto
    più stupido e buciardo in der profonno.
    Avoja si pò piove ‘gni seconno
    e nun finilla più, né abbassà er getto. … (continua)

    Comment by Stefano — 17 Novembre 2014 @ 08:02
  2. Piove. Piove. E’ l’inizzio der “Diluvio Universale” e finirà quanno avrà aricoperto tutte le tere emergenti. E’ dar famoso 2012 de li Maia, che so’ ‘ncominciate ‘e catatsstrofi naturali: teremoti, tusnami, crolli e alluvioni.
    Li VIP se stanno a fa’ l’Arca ‘nde lo spazzio e le spese l’aricopreno cor tartassa’ i popoli co le tasse.
    CERTO E’ TUTTA FANTASCIENZA ……..MA FAMOCE ‘N PENZIERINO SOPRA.

    Comment by 'svardoASR'29 — 17 Novembre 2014 @ 09:01
  3. ……….Pò pure esse’!

    Comment by 'svardoASR'29 — 17 Novembre 2014 @ 09:02
  4. Governo ladro, è colpa sua se piove sempre!

    Comment by letizia — 17 Novembre 2014 @ 11:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>