Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Novembre 2014

Le tinte de l’Autunno

Le tinte de l’Autunno

***

Le tinte de l’Autunno, nun c’è storia,

sò le più belle in passerella a l’anno,

come pe stemperà er griggio panno

der cèlo incappottato e a fà bardoria …

***

… tra er giallo che le foje a ‘ndorà vanno

er tutto ‘ndò se poseno a memoria,

e er mogano de l’arberi ch’è scoria

pe raccontà er passato senza inganno.

***

Le spennellate de maron-nocciola

e tutt’er resto ch’è pittato in rosso,

tarmente belli d’azzittì parola.

***

E si l’Autunno porta er peso grosso

de un anno che se ‘nvecchia, se conzola

cor ber vestito ch’ha acchittato indosso.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Le tinte de l’Autunno, nun c’è storia,
    sò le più belle in passerella a l’anno,
    come pe stemperà er griggio panno
    der cèlo incappottato e a fà bardoria … (continua)

    Comment di Stefano — 25 Novembre 2014 @ 08:33
  2. Questi versi dipingono l’autunno!
    ….
    Forte il pensiero del giorno. SEMPRE FORZA ROMA

    Comment di letizia — 25 Novembre 2014 @ 10:10
  3. Romantico l’autunno, languido, malinconico, è luce che si affievolisce, metafora del declino, rughe sul volto dell’anno che si fa vecchio!

    Comment di Silvio — 25 Novembre 2014 @ 12:07
  4. I colori autunnali su Roma sono particolarmente affascinanti e poetici

    Comment di principessa — 26 Novembre 2014 @ 18:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>